• +39 338 3407092
  • patriziagarberi@gmail.com

Mindfulness

Il corpo in natura, la ri-connessione

Terapia forestale, passi lenti, consapevolezza corporea

Siamo immersi in un mondo artificiale, ormai ce ne siamo accorti. Luce artificiale, realtà virtuale, trasporti supersonici, pavimenti lisci, case riscaldate, elettrodomestici intelligenti…persino intelligenza artificiale, dove complessi algoritmi ci risparmiano la fatica di riorganizzare la conoscenza. In questo universo adattato e facilitato, che innegabilmente ci porta dei vantaggi, nel tentativo di alleggerirci abbiamo però perso sempre di più il contatto col corpo, con i suoi delicati sistemi di equilibrio tra la nostra soggettività, l’ambiente e l’espressione fisica della nostra persona…Persona intesa nella sua interezza, dato che l’ipotesi della dualità mente/corpo sembra ormai essere definitivamente superata, e nonostante le nostre abilità di metacognizione tendano invece, costantemente, a sdoppiare la nostra soggettività in questi due fattori, creandoci non pochi problemi.

L’ambiente naturale è un particolare tipo di ambiente, al quale ci accostiamo con difficoltà e sempre con protezioni e cautele. Da millenni ormai siamo portati a considerare la natura come una proprietà da sfruttare e possedere, ed essendo immersi in un mondo sempre più artificiale e frutto del pensiero, difficilmente ricordiamo che il nostro stesso corpo è un elemento naturale che deve necessariamente regolarsi e con-vivere con gli altri viventi.

Nel corso delle ricerche sulla terapia forestale ( si veda ad esempio Donelli et al., Forests 2023 oppure Donelli et al., IJERPH 2023) emerge chiaramente come tutti i sistemi vitali umani risentano beneficamente del contatto con un ambiente il più possibile naturale, ricco di biodiversità e coerente nei suoi diversi aspetti, proprio perché questo è l’ambiente in cui la nostra specie ha completato la sua evoluzione. Di conseguenza anche i nostri stati emotivi, basati sugli umori corporei come definiti già nella biologia e nella patologia di Ippocrate e Galeno e che noi oggi descriviamo più accuratamente come neurotrasmettitori ed ormoni, sono mediatori del rapporto tra i nostri stati mentali e stati corporei. Questi perciò risentono positivamente dell’immersione forestale, in un processo che secondo Ippocrate di Kos è la vis medicatrix naturae, concetto simile all’organicità come intesa da Gregory Bateson nei suoi scritti e che si riferisce all’intelligenza interiore che ci spinge ad evolverci. (Bateson, G. (1977), Verso un’ecologia della mente, Milano, Adelphi e Bateson, G. (1984), Mente e natura, un’unità necessaria, Milano, Adelphi.

Attualmente in psicologia ci si rivolge sempre più al corpo oltre che al pensiero e alla cognizione, corpo visto non soltanto come il palcoscenico neutrale sul quale stati mentali variamente disfunzionali mettono in scena il disagio e la sofferenza, provocando malattie e disturbi di origine “psicosomatica” (e ci sarebbe poi da definire quali non lo siano, in una prospettiva epigenetica in cui i contributi all’insorgere di una patologia sono molteplici, incluso appunto tutto ciò che è psico).

Perciò, corpo visto anche e soprattutto come protagonista ( e chi se no?) partecipe della guarigione, testimone di traumi e sofferenze ma anche del rimarginarsi di vecchie ferite, quella base sicura su cui possiamo sempre contare come un referente di ciò che avviene, mentre attraversiamo le nostre esperienze e rispondiamo ad esse continuamente con alterazioni dei nostri stati fisiologici. Gli esercizi di consapevolezza corporea, ad esempio praticando la mindfulness in ambiente naturale, ci permettono di riconoscere la relazione semplice ed immediata con ciò che sta fuori di noi e allo stesso tempo con le nostre risposte corporee, per lo più ignorate, entrando in una relazione di apertura ed accettazione verso noi stessi che ci orienta alla salute (la prospettiva della self compassion è proprio questa)…così come le foglie si orientano e rispondono in modo naturale e spontaneo, perfettamente adeguate e partecipi al richiamo del vento, e al tocco del sole.

Tra passo Belfiore e passo di Cavorsella
Contattami compilando questo modulo

    Terapia forestale nel Tombolo di Cecina

    a passi lenti tra pineta e spiaggia

    Saremo nella Pineta del Tombolo di Cecina, riserva biogenetica e luogo magico, un vero regalo che attende il pellegrino alla fine del cammino Francigena-Mare da Certaldo e Gambassi fino appunto alla Pineta. Particolarmente accogliente nelle stagioni meno frequentate è sempre lì a proteggerci dai raggi del sole troppo caldi e dal vento quando gonfia il Tirreno, che sale a lambire i primi avamposti degli alberi. Noi la percorreremo nei tratti meno frequentati toccando anche la spiaggia in diversi punti. In Pineta, tra Bibbona e Cecina Mare non ci sono punti ristoro nè punti per rifornirsi d’acqua.

    INFORMAZIONI

    18 febbraio 2024 dalle 9.30 alle 17.30

    Riconnessione e consapevolezza corporea (approfondimenti)

    Ritrovo alle 9.30 in via della Pineta a Cecina, nei pressi dell’eliporto prima del ponte sul fosso nuovo.
    Punto mappa: https://maps.app.goo.gl/fhmNB64sfUuabMXTA

    La pausa pranzo sarà alle ore 13, chi non desidera fermarsi nel pomeriggio, potrà interrompere l’esperienza in questo momento.
    Rientro al parcheggio alle ore 17.30 circa

    INFORMAZIONI TECNICHE
    L’escursione di livello E secondo la classificazione CAI, non presenta particolari difficoltà tecniche per persone allenate a questo tipo di attività.
    • Punto di ritrovo: via della Pineta a Cecina (LI) > la sosta non è a pagamento
    • Punto mappa: https://maps.app.goo.gl/fhmNB64sfUuabMXTA
    • Difficolta’: E (Escursionistico) – Itinerario su sentieri ben tracciati, mulattiera, sterrata e brevi tratti di asfalto, adatto a persone mediamente allenate in buona forma fisica.
    • Dislivello complessivo in salita: non c’è dislivello
    • Totale percorrenza:mattina km.3 totale km.8
    • Tempi totali di percorrenza: mattina 1hr totale 2.30hr circa di cammino oltre le soste
    • Orario di ritrovo: ore 9:30
    • Termine attività ore 17.00
    • Prenotazione obbligatoria entro le ore 12 del giorno precedente compilando questo modulo https://forms.gle/SN3japGMEnXzVgTf6
    L’escursione si svolgerà con un minimo di 6 partecipanti e un massimo di 15
    Quota di partecipazione: 18€ (per chi partecipa solo la mattina 12€)
    La quota comprende: organizzazione e coordinamento, tutte le conduzioni e la Terapia Forestale, servizio Guida ambientale escursionistica ed assicurazione RCT (non comprende l’assicurazione infortuni per gli accompagnati)
    ABBIGLIAMENTO e ATTREZZATURA:
    Sono obbligatori gli scarponcini da trekking (meglio se alti alla caviglia) o scarpe da trail running, (cammineremo tra fango, sentieri e sabbia) un capo anti vento e anti pioggia, abbigliamento comodo e a strati, cappello, snack/frutta, riserva d’acqua almeno 1,5 lt. e pranzo al sacco, un telo per sedersi o stendersi durante le pause meditative. TUTTO DEVE ESSERE CONTENUTO NELLO ZAINETTO DA GIORNATA.
    Bastoncini da trekking facoltativi.
    La guida si riserva di cancellare o variare il programma della giornata a seconda delle condizioni meteo o per garantire il benessere di tutti i partecipanti a suo insindacabile giudizio. In caso di annullamento le cifre versate per l’iscrizione verranno interamente restituite.
    CONDUZIONE DELLA GIORNATA
    La conduzione della giornata sarà da parte di Patrizia Garberi, PhD Psicologa Psicoterapeuta, OPT 7693 insegnante di meditazione e istruttrice senior di protocolli basati sulla Mindfulness, artista arteterapeuta, esperta di Terapia Forestale e Guida Ambientale Escursionistica, AIGAE TO1137 professione svolta ai sensi della legge 4/2013

    Contattami compilando questo modulo

      Respirare spazio e bellezza, passi lenti e terapia forestale

      Raggiungere una vetta è un momento simbolico, dove lo sguardo può facilmente orientarsi tra il paesaggio esterno e quello interno per un’esperienza di connessione e apertura, di intimità con l’ambiente e con l’universo…e cosa c’è di meglio che circondarsi di spazio e bellezza da ritrovare dentro di noi?
      PANORAMICA DELLA GIORNATA
      Con un gradevole sentiero nel bosco arriveremo alle pendici erbose e sparse di massi calcarei del Monte Prana per poi salire in cresta godendo di bei panorami sulla costa, su Massaciuccoli e sulla piana di Camaiore e arrivando alla vetta a 1221m. con vista molto panoramica sul Matanna e sui monti vicini, più lontane le Panie e le Apuane settentrionali.
      Qui faremo una pausa meditativa guidata di centratura, e respirando lo spazio di fronte a noi potremo focalizzare le nostre intenzioni e le nostre mete di questo periodo, quando la pausa estiva dove luce e calore culminano, ci permette di fermarci e di ri-orientare i nostri prossimi passi.
      La pausa pranzo verrà quindi consumata in vetta.
      Rientreremo per lo stesso percorso, con una lenta deviazione però in una magnifica abetaia, dove la nostra immersione forestale nel silenzio sarà profumata di resina e dove potremo accomodarci su un tappeto di aghi di abete …Saranno esercizi di terapia forestale, di ascolto e di apertura nell’ambiente per coltivare la connessione e l’apertura dentro di noi, seguendo il protocollo di #forestaterapeutica utilizzato nel corso del progetto #cai#cnr a cui sto collaborando. La giornata si concluderà con una condivisione finale che ci permetterà di rallentare in un’atmosfera magica e raccolta, avvolti dalle sostanze volatili e profumate estratte dai raggi bassi del sole che si avvia al tramonto e colpisce gli aghi d’abete.
      L’esperienza potrà essere completata con la merenda nel piccolissimo rifugio La casa del maestro (su prenotazione da parte di chi lo desidera). #rifugiolacasadelmaestro e da cui proseguiremo per rientrare al parcheggio prima del buio.

      INFORMAZIONI TECNICHE
      L’escursione di livello E secondo la classificazione CAI, non presenta particolari difficoltà tecniche per persone allenate a questo tipo di attività.
      • Punto di ritrovo: Parcheggio nei pressi del ristorante Lucese la sosta non è a pagamento
      • Punto mappa: https://goo.gl/maps/8accwBum1onPoSz8A
      • Difficolta’: E (Escursionistico) – Itinerario su sentieri ben tracciati, mulattiera, sterrata e brevi tratti di asfalto, adatto a persone mediamente allenate in buona forma fisica.
      • Dislivello complessivo in salita: circa 650 m
      • Totale percorrenza: km.10
      • Tempi totali di percorrenza: ore 4.5 circa di cammino oltre le soste
      • Orario di ritrovo: ore 9:15
      • Partenza: ore 9:30
      • Termine attività ore 18.00
      • Prenotazione obbligatoria entro il venerdì precedente a questo link
      https://forms.gle/mVhCxxEZkWuzjmJG6

      L’escursione si svolgerà con un minimo di 6 partecipanti e un massimo di 12
      Dato il particolare tipo di escursione non sono ammessi cani.Quota di partecipazione: 18€ iscrivendosi compilando la scheda di adesione.
      La quota comprende: organizzazione e coordinamento, tutte le conduzioni e la Terapia Forestale, servizio Guida ambientale escursionistica ed assicurazione RCT (non comprende l’assicurazione infortuni per gli accompagnati)

      ABBIGLIAMENTO e ATTREZZATURA:
      Sono obbligatori gli scarponcini da trekking (meglio se alti alla caviglia), un capo anti vento e anti pioggia, abbigliamento comodo e a strati, copricapo per il sole, snack/frutta, pranzo al sacco. Riserva d’acqua 1,5 litri.
      Bastoncini da trekking facoltativi.
      La guida si riserva di cancellare o variare il programma della giornata a seconda delle condizioni meteo o per garantire il benessere di tutti i partecipanti a suo insindacabile giudizio.CONDUZIONE DELLA GIORNATA
      Patrizia Garberi, è Psicologa Psicoterapeuta, OPT 7693 insegnante di meditazione e istruttrice senior di protocolli basati sulla Mindfulness, artista arteterapeuta, esperta di Terapia Forestale e Guida Ambientale Escursionistica, AIGAE TO1137 professione svolta ai sensi della legge 4/2013
      https://www.artimagery.it/contatti/#.YkW2ledBw2w

      PRENOTAZIONE https://forms.gle/mVhCxxEZkWuzjmJG6 

      Contattami compilando questo modulo

        Lentamente estate

        Alle nostre latitudini, dove le variazioni stagionali di luce e temperatura scandiscono le nostre vite,  ci sono due momenti principali nell’anno in cui sentiamo il desiderio di fermarci…il cuore dell’inverno e il picco dell’estate…ed è qui che siamo arrivati, con previsioni meteo infernali che ci vedono al centro di anticicloni torridi come da copione.

        In questi giorni quindi, benché la quantità di  luce sia massima, è soprattutto il caldo a rallentarci, ma non sempre le nostre attività sono in sintonia con il ritmo delle stagioni. Per molti lavoratori l’estate è il momento di massima attività, ma anche per chi lavora in ufficio sarà necessario aspettare il fatidico agosto per concedersi qualche giornata di pausa…Da quando mi sono trasferita da Milano al mare, anch’io ho imparato a riconoscere i segnali della “stagione” fin dalle vacanze di Pasqua, quando vetture straniere sfrecciano con malcelato desiderio e un po’ troppo velocemente sulle provinciali, guidate da conducenti adrenalinici che sentono il richiamo di un po’ di natura. Ma sono il Corpus Domini, festa mobile particolarmente celebrata in Germania da cui calano i primi camper e ovviamente la chiusura delle scuole in giugno, a dare il via ai flussi di turismo sempre più importanti, ai gelati, ai motorini che affollano  il Romito, alle turiste in pareo in coda al supermercato, alle bancarelle che spuntano un po’ ovunque e alle sagre di ogni genere e forma…insieme all’iperico e ai gigli di San Giovanni così di solito sboccia l’estate!

        In questo periodo la natura intera rallenta, pur nel culmine della sua produttività e così anche noi potremmo concederci qualche momento di pausa e riflessione…il lavoro è compiuto, i cuccioli sono nati e i petali caduti per lasciare spazio ai frutti che è il momento di raccogliere ben maturi. Ora è necessario considerare come proseguire per consolidare e conservare i risultati ottenuti fin qui, assaporando e gustando i ricchi sapori della stagione.

        Se non riusciamo a riconoscere e ad accettare in noi il desiderio di riposo e il bisogno di rallentare, può capitare di essere insidiati dal senso di colpa indotto dal desiderio di mantenere ritmi di cui non siamo e non ci sentiamo all’altezza. Forse il bisogno di fare di più ha radici lontane, che affondano in un senso di inadeguatezza nel quale siamo ormai abituati a riconoscerci…potrebbe essere davvero interessante approfondire da dove arriva questa tensione, il dover spingere sempre sull’acceleratore della vita e delle nostre giornate a qualunque costo…Intanto però possiamo pensare di includere la pausa e la lentezza come una ragionevole necessità, per potere fare il punto e riorientare i nostri passi alla luce delle mete già raggiunte. La compassione per sé e l’accettazione delle proprie debolezze sono dimensioni da coltivare in un percorso vero e proprio che potrebbe iniziare proprio adesso, come un momento di riflessione che può condurci in luoghi mai visti, percorrendo sentieri sconosciuti nella direzione di una vita più autentica e più nostra, ricca di significato, assaporata e gustata col piacere intenso della lentezza.

        Contattami compilando questo modulo

          L’estate dei corpi

          Finalmente è arrivata l’estate, che con il suo calore e la sua spensieratezza ci invita a mettere in mostra il corpo, che, come un bel frutto maturo forse un po’ troppo tondo, si colora al sole. Possiamo finalmente liberarlo e scoprirlo, e una maggiore attività fisica e il contatto più intenso con la natura inducono un risveglio, una riattivazione psico fisica che, se prestiamo attenzione, potrebbe richiamare l’attenzione proprio sul corpo.

          E’ questo il momento in cui facciamo i conti col nostro servitore silenzioso, che vorremmo a seconda del caso e del momento, più agile, più tonico o muscoloso, più giovane, più snello… ma che d’estate ci appare per quello che è, nella sua nuda e molliccia realtà che cerchiamo di mascherare con l’abbronzatura…continuiamo quindi ad osservarlo da fuori, paragonandolo e confrontandolo con un’idea che abbiamo in mente e al quale vorremmo piegarlo. Dimenticando che noi siamo il nostro corpo, e che una separatezza tra corpo e mente (l’ideale di Cartesio) è ancora tutta da dimostrare…

          Quindi ciò che vediamo riflesso negli occhiali a specchio del nostro vicino in spiaggia o nell’acqua limpida di un laghetto in altitudine siamo proprio noi, ne più ne meno.

          Questa separatezza, tra l’ideale di corpo che sta nella nostra mente e nei nostri pensieri, e il corpo reale che misuriamo e pesiamo e soppesiamo con lo sguardo è proprio alla base di tanti disturbi e patologie, oltre che di una costante insoddisfazione o leggera perdita di autostima o grave insicurezza.

          Siamo abituati a vivere nel paesaggio mentale virtuale che ci costruiamo, sulla base di molteplici fattori come l’educazione, l’ambiente, la necessità…e quindi facilmente dimentichiamo il corpo, ad esempio quando passiamo le ore davanti ad un monitor che appaga la nostra curiosità ma…nel frattempo che cosa fa il corpo? Come risponde, come reagisce a questi panorami virtuali o ai panorami mentali altrettanto virtuali -ricordi, pensieri, emozioni…si tende, si irrigidisce, si contrae, si avvita e si ingobbisce? Non sappiamo rispondere, perché non lo sappiamo e non ce ne curiamo.

          Siamo soliti dare ai nostri pensieri valore di verità e di autenticità, non li consideriamo come delle simulazioni che produciamo in continuazione per prevenire pericoli e perdite e immaginare gioia e soddisfazioni. Quindi, sempre sovrappensiero, regoliamo i continui e conseguenti stati emotivi che si susseguono al di sotto del nostro livello di consapevolezza a volte col cibo, a volte con l’alcol, a volte con fumo e sostanze utilizzandoli come dei rimedi, un tentativo di autocura per tamponare alterandoli eccessi di reattività fisiologica ai pensieri e agli stati mentali, e che si serve del corpo e certo non lo onora…

          Ed è così che ci scopriamo sovrappeso, sottopeso, flaccidi e incurvati, gonfi e panciuti…

          E’ arrivato il momento di riconnetterci al corpo, il silenzioso testimone con noi dal momento del concepimento, sempre disponibile a darci un feedback se soltanto vogliamo ascoltarlo…A volte quello che ci comunica è talmente sgradevole, come nel caso del dolore anche cronico, o della sensazione di essere invasi e menomati, ad esempio durante un periodo di malattia e ospedalizzazione, o nel caso delle attivazioni derivate da esperienze traumatiche, un contatto dunque così doloroso e pericoloso, che siamo noi stessi a promuovere inconsapevolmente il distacco dalla nostra esperienza corporea, per non sentire e per non ricordare.

          Che fare dunque? Benché sia importante ritrovare il contatto con la sensibilità corporea, attraverso la consapevolezza delle esperienze  sensoriali come ci addestriamo a riattivare nei protocolli basati sulla mindfulness, Mindful Eating, MBSR, MBCT etc è altrettanto se non più importante comprendere qual è stata l’origine del distacco, lieve o profondo che sia, nel corso della nostra vita.

          Infatti, che si sia trattato di esperienze abusanti o traumatizzanti o semplicemente aspettative pressanti di nostra madre o di un allenatore, il mobbing delle compagne di classe, un problema di salute, c’è stato e forse ancora esiste un buon motivo per cui il distacco dal corpo è stato ed è tuttora la nostra salvezza. E’ soltanto in seguito ad una chiara comprensione, che a sua volta dipende da una buona formulazione dello schema dell’attuale disturbo, che potremo riconnetterci al corpo, con tanta accettazione e compassione e affetto per quello che siamo, così come siamo, con le nostre imperfezioni uniche e speciali e con le nostre cicatrici…solo allora ci potrà essere un vero cambiamento, e potremo realmente dire di esserci costruiti un nuovo orizzonte verso cui navigare.

          Riserva dei Monti Livornesi

          Passi lenti e Terapia Forestale

          Quando pensiamo a Livorno ci vengono in mente il mare e il porto, il caciucco e le scogliere del Romito…sarà quindi una gradita sorpresa incontrare l’entroterra selvatico alle spalle della città, costituito
          dalle colline boscose formatesi tra i 15 e 20 milioni di anni fa e dove si trova un eccezionale patrimonio ambientale, storico e naturalistico, quest’ultimo costituito soprattutto dalle foreste demaniali di Valle Benedetta e di Montenero. Le componenti principali dei boschi che percorreremo sono costituite nello strato arbustivo da: Corbezzolo, Mirto, Lentisco, Fillirea, Alaterno, Erica con qualche esemplare di Agrifoglio e, fra i rampicanti,
          Caprifoglio, Smilace e Clematide; quelle dello strato arboreo sono costituite da: Leccio con leccete secolari, Pino d’Aleppo e Sughera, a cui nelle zone più fresche si aggiungono Cerro, Carpino e Frassino.
          Dal 2020 è stato costituito il sistema integrato delle aree protette dei Monti Livornesi, Isola di Biodiversità. https://www.mappadeimontilivornesi.it/

          Durante il fine settimana possiamo provare a concederci qualche ora di silenzio e digiuno elettronico, da dedicare a noi stessi e alla riconessione con i ritmi naturali, al contatto con angoli di bosco poco frequentati e silenziosi.
          Lo scopo è quello di riprendere tra le mani la nostra vita, che spesso ci viene sottratta da ritmi frenetici e ambienti artificiali in cui viviamo, e in cui ci costruiamo vite sempre più lontane dalla nostra spontanea tendenza ad essere felici.
          Ci saranno tratti brevi di camminata lenta e esercizi di ascolto e di apertura nell’ambiente per coltivare la connessione e l’apertura dentro di noi mantenendo l’approccio del protocollo di Foresta Terapeutica applicato nel progetto CAI/CNR eventualmente adattato al percorso.
          La mattinata si concluderà con una condivisione finale che ci permetterà di rallentare in un’atmosfera magica e raccolta.

          Nelle giornate in cui l’attività prosegue nel pomeriggio, dopo la pausa pranzo continueremo l’escursione intervallata da brevi meditazioni e visualizzazioni alla portata di tutti, sempre in connessione con l’ambiente e le sue caratteristiche che incontreremo mano a mano. Sarà quindi un’esperienza speciale che non richiede una grande resistenza fisica, mentre ci concederemo di riconnetterci a noi stessi alla presenza dei grandi alberi che ci aiuteranno in questo processo, alternando passi lenti a pause meditative, condivisioni in gruppo ed esercizi immaginativi in cui esploreremo la connessione con la natura di cui siamo parte.
          APPROFONDIMENTI


          INFORMAZIONI TECNICHE del giro breve (solo mattina)
          L’escursione di livello E secondo la classificazione CAI, non presenta particolari difficoltà tecniche per persone allenate a questo tipo di attività.
          • Punto di ritrovo: Parcheggio in via della Sambuca a Valle Benedetta la sosta non è a pagamento
          • Punto mappa: https://goo.gl/maps/j8KKSHJAqiMQ2uiU9
          • Difficolta’: E (Escursionistico) – Itinerario su sentieri ben tracciati, mulattiera, sterrata e brevi tratti di asfalto, adatto a persone mediamente allenate in buona forma fisica.
          • Dislivello complessivo in salita: circa 200mt
          • Totale percorrenza: km. 3
          • Tempi totali di percorrenza: ore 2 circa di cammino oltre le soste
          • Orario di ritrovo: ore 9:30
          • Termine attività ore 13.30
          • Prenotazione obbligatoria
          L’escursione si svolgerà con un minimo di 5 partecipanti e un massimo di 15 Quota di partecipazione: 15€

          INFORMAZIONI TECNICHE del giro lungo (giornata intera)
          L’escursione di livello E secondo la classificazione CAI, non presenta particolari difficoltà tecniche per persone allenate a questo tipo di attività.
          • Punto di ritrovo: Parcheggio in via della Sambuca a Valle Benedetta la sosta non è a pagamento
          • Punto mappa: https://goo.gl/maps/j8KKSHJAqiMQ2uiU9
          • Difficolta’: E (Escursionistico) – Itinerario su sentieri ben tracciati, mulattiera, sterrata e brevi tratti di asfalto, adatto a persone mediamente allenate in buona forma fisica.
          • Dislivello complessivo in salita: circa 299mt
          • Totale percorrenza: km. 8,7
          • Tempi totali di percorrenza: ore 2.45 circa di cammino oltre le soste
          • Orario di ritrovo: ore 9:30
          • Termine attività ore 18.30
          • Prenotazione obbligatoria
          L’escursione si svolgerà con un minimo di 5 partecipanti e un massimo di 15 Quota di partecipazione: 25€
          La quota comprende: organizzazione e coordinamento, tutte le conduzioni e la Terapia Forestale, servizio Guida ambientale escursionistica ed assicurazione RCT (non comprende l’assicurazione infortuni per gli accompagnati)

          ABBIGLIAMENTO e ATTREZZATURA:
          Sono obbligatori gli scarponcini da trekking (meglio se alti alla caviglia) o scarpe da trail running, un capo anti vento e anti pioggia, abbigliamento comodo e a strati, cappello, snack/frutta, riserva d’acqua almeno 1,5 lt. e pranzo al sacco.
          Un cuscinetto o seggiolino pieghevole per sedersi durante le pause meditative per chi lo preferisce DEVE ESSERE CONTENUTO NELLO ZAINETTO DA GIORNATA.
          Bastoncini da trekking facoltativi.
          La guida si riserva di cancellare o variare il programma della giornata a seconda delle condizioni meteo o per garantire il benessere di tutti i partecipanti a suo insindacabile giudizio. In caso di annullamento le cifre versate per l’iscrizione verranno interamente restituite.

          CONDUZIONE DELLA GIORNATA
          La conduzione della giornata sarà da parte di Patrizia Garberi, Psicologa Psicoterapeuta, OPT 7693 insegnante di meditazione e istruttrice senior di protocolli basati sulla Mindfulness, artista arteterapeuta, esperta di Terapia Forestale e Guida Ambientale Escursionistica, AIGAE TO1137 professione svolta ai sensi della legge 4/2013 ed include organizzazione e coordinamento, tutte le conduzioni e la Terapia Forestale, servizio Guida ambientale escursionistica ed assicurazione RCT (non comprende l’assicurazione infortuni per gli accompagnati)
          Per essere assicurati individualmente, i partecipanti dovranno scaricare l’applicazione Trik&Trek e facendo un account in cui riportare nome e sigla della guida, pagando 10€ saranno assicurati per un anno durante qualunque escursione condotta da una GAE iscritta all’associazione Aigae.

          PROSSIME DATE IN PROGRAMMA

          GIRO LUNGO -5-11-2023

          PRENOTA

          Contattami compilando questo modulo

            Inverno e solitudine

            Non so se avete mai fatto caso, ma è l’inverno quello che regala i colori più belli: nitidi, intensi, saturi bellissimi nell’assenza della bruma primaverile, o della foschia data da uno spossato calore estivo.

            E’ il freddo ciò che rende la luce rara e preziosa di questi giorni, così nitida e tagliente, capace di regalarci dettagli e sfumature quasi al di là del reale, la bellezza di quel che sta oltre desideri e aspettative…

            In questo mi sembra che la luce del giorno invernale assomigli alla solitudine, che come il freddo però ci fa tanta paura. Proprio in questi giorni di festa, in cui si celebra il principio dell’accrescimento della luce, sentiamo maggiormente la mancanza e la perdita e ci confrontiamo col vuoto. Di ciò che manca, di ciò che non è mai stato, di quello che abbiamo perso o mai trovato, del fallimento delle nostre aspettative, del crollo delle speranze, dell’evidente inesistenza di un’amicizia, o di un amore…mentre crediamo, col cuore sofferente attanagliato da invidia e tristezza che in altre famiglie e in altre vite non accada (non è vero, succede a tutti…)

            Ma che possiamo fare allora della solitudine, se ci troviamo forzati e controvoglia in questo stato?

            Potremmo cercare di non starci e di non provarla e così può essere che tentiamo di riempire il vuoto di una perdita affettiva ripetendo esperienze mediocri o insignificanti, pur di ricostruirci una pallida imitazione dell’autostima e della fiducia perdute, spesso però ripercorrendo in automatico un pattern relazionale ricorsivo nella nostra vita e determinato da qualche analoga esperienza disfunzionale avuta in precedenza o addirittura da bambini…A questo punto però, reiterando l’approccio alla negazione della solitudine e al tentativo del suo evitamento, può innescarsi un altro meccanismo.

            Infatti, come accade per tutti i comportamenti utilizzati impropriamente per gestire uno stato di sofferenza, pare che anche l’eccitazione dei nuovi incontri possa determinare l’abitudine a quel merviglioso stato dopaminergico che si determina soltanto durante le prime fasi di una relazione, costituendo così una specie di droga che ci porta a non approfondire mai un rapporto oltre la chimica, per mantenere lo stato dopaminergico passando da una persona all’altra in tempi brevi (massimo, ma proprio al massimo, 2 anni) e rinunciando alla bellezza di un rapporto intimo e profondo…così come può accadere in modo simile con la ricerca di esperienze pericolose, il consumo di alcol o altre sostanze o lo shopping compulsivo o il cibo, che utilizziamo per dimenticare ma che diventano in seguito un problema di dipendenza a sé stante…

            La solitudine, se ci permettiamo di sperimentarla, è quello stato spazioso, silenzioso e aperto in cui non siamo costretti a confrontarci con le necessità dell’altro da me, e che invece se riusciamo a starci dentro ci può regalare chiarezza riguardo le nostre fragilità e vulnerabilità, le nostre propensioni e i nostri bisogni, come di fronte ai dettagli di un paesaggio luminoso e colorato, e ad accettarli con apertura, gentilezza e accoglienza, priva di quella critica giudicante che spesso ci porta a non rilevarli.

            Certo, bisogna riconoscere che dopo una perdita o una rottura dolorosa, nulla sarà mai più come prima, ma potrebbe essere diverso, anzi più adatto al nuovo me e quindi anche meglio…perché permettendomi con pazienza di incontrare e farmi guidare con curiosità e fiducia da questa mia parte sana e accogliente, farò esperienza, finalmente! di qualcosa che in me è in grado di prendersi cura dei miei bisogni emotivi profondi e sacrosanti, senza bisogno dei soliti comportamenti anestetici che creano dipendenza…e quindi poi, rivolgendomi nuovamente all’esterno, incontrerò qualcuno o qualcosa di più simile a me, adatto ad una nuova vita più piena e ricca…alla fine dell’inverno troveremo la primavera, con il suo vivo germogliare e una moltitudine di tiepidi profumi!

            Approfondimenti dal web

            Verso l’infinito del mare.

            30 ottobre 2022 ore 9.30 a Montemarcello (SP)

            Spesso di fronte al mare non ci rendiamo conto di quanta profondità e quanta vita esistano sotto la sua superficie, che pure ci incanta con il suo continuo movimento e con i suoi riflessi, un po’ come nel corso della vita spesso ci fermiamo alla realtà delle apparenze e raramente ci accostiamo ad un senso profondo che ci spaventa come la profondità dell’abisso.

            In questa escursione autunnale il mare sarà una parete turchese e brillante che accompagnerà i nostri momenti di immersione forestale nella macchia, per poi accoglierci nella nostra discesa verso la spiaggia, come un ritorno all’infinito profondo che esiste in noi, piccole onde…

            Panoramica della giornata

            Saremo nel Parco Regionale di Montemarcello-Magra-Vara, in Liguria al confine con la Toscana. Attraverseremo boschi misti di caducifoglie, leccete e zone di macchia mediterranea con Pini marittimi e Pini d’Aleppo, dove entreremo in connessione con l’ambiente e con la vegetazione, dedicandoci in silenzio per qualche ora ad alcuni esercizi di Terapia Forestale. Quindi scenderemo alla spiaggia dove faremo la pausa pranzo e proseguiremo con condivisioni ed altre esperienze dedicate al tema dell’impermanenza…ogni partecipante è invitato a portare dei testi brevi, suoi o di altri autori su questo argomento, che verranno condivisi. Torneremo quindi al paese di Montemarcello completando il nostro percorso circolare poco prima del tramonto.

            Sarà quindi una giornata speciale che non richiede una grande resistenza fisica, alterneremo passi lenti a pause meditative, condivisioni ed esercizi immaginativi per favorire la connessione con la natura di cui siamo parte. Percorreremo alcuni brevi tratti sull’asfalto, altri invece saranno su gradini di pietra mai esposti (contattatemi in caso di problemi di vertigine, ginocchia ecc)

            In paese troveremo acqua, cibo e un bagno disponibile.

            Informazioni tecniche

            • Punto di ritrovo: Parcheggio di Montemarcello (SP) la sosta non è a pagamento

            • Punto mappa: https://goo.gl/maps/XxzEw4JpfhaDj14e9
            • Difficolta’: E (Escursionistico) – Itinerario su sentieri ben tracciati, mulattiera, sterrata e brevi tratti di asfalto, adatto a persone mediamente allenate in buona forma fisica.

            • Dislivello complessivo in salita: circa 400 m
            • Totale percorrenza: km.6,5
            • Tempi totali di percorrenza: ore 2,30 circa di cammino oltre le soste
            • Orario di ritrovo: ore 9:30
            • Termine attività ore 17:00
            • Prenotazione obbligatoria entro venerdì 28 ottobre 2022

            L’escursione si svolgerà con un minimo di 5 partecipanti e un massimo di 12

            Quota di partecipazione: 30€ da pagare in anticipo compilando la scheda di adesione (25€ per iscrizioni multiple)

            La quota comprende: organizzazione e coordinamento, tutte le conduzioni e la Terapia Forestale, servizio Guida ambientale escursionistica ed assicurazione RCT.

            In caso di disdetta entro il 28 ottobre 2022 la cifra versata verrà interamente restituita, diversamente verrà offerto un buono per un’altra escursione con validità un anno

            Abbigliamento e attrezzatura

            Sono obbligatori gli scarponcini da trekking (meglio se alti alla caviglia), un capo anti vento e anti pioggia, abbigliamento comodo e a strati, cappello, snack/frutta, pranzo al sacco. riserva d’acqua 1,5 litri.

            Un cuscinetto o seggiolino pieghevole per sedersi durante le pause meditative, costume da bagno e asciugamani che possano essere portati nel proprio zaino
            Bastoncini da trekking facoltativi ma fortemente consigliati.

            La guida si riserva di cancellare o variare il programma della giornata a seconda delle condizioni meteo o per garantire il benessere di tutti i partecipanti a suo insindacabile giudizio. In caso di annullamento le cifre versate per l’iscrizione verranno interamente restituite.

            CONDUZIONE DELLA GIORNATA Patrizia Garberi Psicoterapeuta, OPT 7693 e Guida Ambientale Escursionistica, AIGAE TO1137 professione svolta ai sensi della legge 4/2013

            Queste escursioni si svolgono in luoghi particolari che scelgo per la loro bellezza e per la presenza di alberi e ambiente adatto…spesso sono lontani e difficili da raggiungere, per chi lo desidera posso dare qualche consiglio per cercare una sistemazione in modo da arrivare la sera prima.

            Approfondimenti

            Le piante ci guariscono senza bisogno di lavorarle per ricavarne tisane, unguenti, essenze, estratti, oli, profumi o anche gocce e compresse. Ci guariscono mediante una comunicazione biologica che il nostro sistema immunitario e il nostro inconscio sono in grado di capire.

            Clemens G. Arvay.

            Il mio approccio alla terapia forestale non è dovuto alla moda nè alla ricerca di un nuovo business, piuttosto prende le mosse da tutte le mie esperienze pregresse incluse conduzioni di tipo diverso in ambiente naturale,  che ben confluiscono negli eventi che propongo in natura, e dal confronto con gli altri operatori del progetto di Terapia Forestale CAI/CNR/CERFIT tuttora in corso e a cui sto collaborando. Lo scopo è quello di proporre un rapporto intimo con la natura, come riflesso di ciò che noi siamo al di là di costrutti mentali, apprendendo a restare aperti nei confronti dei ritmi naturali, dentro e fuori di noi.

            Diversi studi sul Forest Bathing come viene praticato tradizionalmente in Giappone, hanno dimostrato che il silenzio e la contemplazione di suoni e stimoli naturali permettono di migliorare la sintonia che si stabilisce spontaneamente tra il nostro sistema immunitario ed i fitoncidi e terpeni prodotti dalle piante per difendersi dai parassiti, in quello che diventa un salutare bagno nella foresta in cammino.
            Studi scientifici hanno anche dimostrato che l’esperienza di immersione nella natura, se attiva e priva di distrazioni, oltre a riattivare il sistema immunitario induce una diminuzione immediata dello stress, migliora disturbi come ansia e depressione, aiuta nell’eliminazione delle tossine dopo l’esposizione all’inquinamento, e costituisce un fattore che riduce il rischio per malattie cardiovascolari, diabete, obesità, allergie e vari disturbi di origine psicosomatica, combinandosi con gli ormai noti benefici della meditazione di consapevolezza (mindfulness)

            Leggi di più

            Contattami compilando questo modulo

              Per boschi e per grotte, un cammino dentro e fuori a passi lenti

              Dalle 9.30 alle 18.00 – 16 luglio 2023 Farnocchia (LU)

              Un percorso sempre all’ombra ci porterà ad attraversare boschi di castagni ed agrifogli e ad assaporare in silenzio la connessione con la natura e con i boschi, con esercizi di esplorazione sensoriale secondo il modello di #terapiaforestale#cai#cnr a cui sto contribuendo. Dopo la pausa pranzo in agriturismo, nel pomeriggio cammineremo un po’ di più ma avremo modo di mantenere l’immersione nel bosco e nella natura e di connetterci con noi stessi e con alcuni aspetti più profondi delle nostre emozioni e della nostra parte profonda, approfittando del fresco di una grotta dove faremo qualche meditazzione.

              APPROFONDIMENTI
              https://www.artimagery.it/escursioni-a-passi-lenti/
              INFORMAZIONI TECNICHE
              L’escursione di livello E secondo la classificazione CAI, non presenta particolari difficoltà tecniche per persone allenate a questo tipo di attività.
              • Punto di ritrovo: Parcheggio a Farnocchia, frazione del comune di Stazzema in provincia di Lucca ( nei pressi della chiesa dedicata a San Michele o lungo la via, la sosta non è a pagamento )
              • Punto mappa: https://goo.gl/maps/tw47bv5rRZHRqMnA6
              • Difficolta’: E (Escursionistico) – Itinerario su sentieri ben tracciati, mulattiera, sterrata e brevi tratti di asfalto, adatto a persone mediamente allenate in buona forma fisica.
              • Dislivello complessivo in salita: circa 375 m
              • Totale percorrenza: km. 8.5
              • Tempi totali di percorrenza: ore 3:30 circa di cammino oltre le soste
              • Orario di ritrovo: ore 10.00 per dare modo a tutti di arrivare in tempo
              • Termine attività ore 18.00
              • Prenotazione obbligatoria almeno 24h prima
              L’escursione si svolgerà con un minimo di 6 partecipanti e un massimo di 12
              Quota di partecipazione: 18€ da pagare in anticipo compilando la scheda di adesione.

              MI ISCRIVO A QUESTO LINK

              La quota comprende: organizzazione e coordinamento, tutte le conduzioni e la Terapia Forestale, servizio Guida ambientale escursionistica ed assicurazione RCT (non comprende l’assicurazione infortuni per gli accompagnati)
              Trattandosi di un intervento per il benessere psicologico in ambiente naturale, per chi paga la quota intera il costo potrà essere detratto come spesa sanitaria.
              In caso di cancellazione la cifra eventualmente già versata verrà interamente restituita, diversamente verrà offerto un buono per un’altra escursione con validità un anno.
              ABBIGLIAMENTO e ATTREZZATURA:
              Sono obbligatori gli scarponcini da trekking (meglio se alti alla caviglia) o scarpe da trail running non vanno bene le scarpe da ginnastica, un capo anti vento e anti pioggia, abbigliamento comodo e a strati, cappello, snack/frutta, pranzo al sacco. riserva d’acqua 1,5 litri.
              Un cuscinetto o tappetino o seggiolino pieghevole per sedersi durante le pause meditative da mettere nello zaino.
              Bastoncini da trekking facoltativi, da portare per chi è abituato ad usarli.

              PAUSA PRANZO
              Sarà all’Agriturismo il Paesaggio, dove troveremo acqua, bagni, caffè etc. ciascuno dovrà portare il proprio pranzo al sacco che potrà essere “integrato” sul posto.

              La guida si riserva di cancellare o variare il programma della giornata a seconda delle condizioni meteo o per garantire il benessere di tutti i partecipanti a suo insindacabile giudizio. In caso di annullamento le cifre versate per l’iscrizione verranno interamente restituite.

              CONDUZIONE DELLA GIORNATA
              Patrizia Garberi PhD, è Psicologa Psicoterapeuta, OPT 7693 insegnante di meditazione e istruttrice senior di protocolli basati sulla Mindfulness, artista arteterapeuta, esperta di Terapia Forestale e Guida Ambientale Escursionistica, AIGAE TO1137 professione svolta ai sensi della legge 4/2013
              PRENOTAZIONE https://forms.gle/k6HQkAPWKU6pyt8r9

                Iscriviti alla Newsletter per essere sempre aggiornato

                Cuor d’Abete profumato

                Escursione a passi lenti- dalle 10.00 alle 13.30/17.30 data da definire

                Iscriviti all’escursione

                PANORAMICA DELLA GIORNATA
                Un facile percorso ci condurrà in una magnifica abetaia dove la nostra immersione forestale nel silenzio sarà profumata di resina e dove potremo accomodarci su un tappeto di aghi di abete …Saranno esercizi di ascolto e di apertura nell’ambiente per coltivare la connessione e l’apertura dentro di noi. La mattinata si concluderà con una condivisione finale che ci permetterà di rallentare in un’atmosfera magica e raccolta.
                L’esperienza potrà concludersi col pranzo nel piccolissimo rifugio La casa del maestro (su prenotazione da parte di chi lo desidera). #rifugiolacasadelmaestro
                Per le persone interessate invece l’esperienza proseguirà anche nel pomeriggio dalle 14.30 alle 17.30, integrando nel percorso di ritorno verso Passo Lucese alcune tappe nel bosco con meditazioni, visualizzazioni e condivisioni riguardanti l’esperienza del mattino.
                Sarà quindi un’esperienza speciale che non richiede una grande resistenza fisica, mentre ci concederemo di riconnetterci alla presenza dei grandi alberi, alternando passi lenti a pause meditative, condivisioni in gruppo ed esercizi immaginativi in cui esploreremo la connessione con la natura di cui siamo parte.
                L’esperienza si concluderà col pranzo nel piccolissimo rifugio La casa del maestro (su prenotazione da parte di chi lo desidera). #rifugiolacasadelmaestro prenotando al 335 6446311

                Se ci saranno persone interessate al momento della prenotazione, l’esperienza potrà proseguire anche nel pomeriggio dalle 14.30 alle 18.30.

                L’immersione forestale potrà continuare nel pomeriggio dopo la pausa pranzo con meditazioni e condivisioni in abetaia esplorando il tema dell’apertura e della connessione e quindi il tema delle relazioni, prima di tutto la relazione con noi stessi, immersi nella natura lungo il percorso di ritorno, il rientro alle auto previsto per le 17.30 avverrà seguendo lo stesso percorso.
                Nel complesso sarà un’esperienza speciale che non richiede una grande resistenza fisica, alterneremo passi lenti a pause meditative, condivisioni in gruppo ed esercizi immaginativi per favorire la connessione con la natura di cui siamo parte.

                Un sentiero nell’abetaia

                INFORMAZIONI TECNICHE
                L’escursione di livello E secondo la classificazione CAI, non presenta particolari difficoltà tecniche per persone allenate a questo tipo di attività.
                • Punto di ritrovo: Parcheggio nei pressi del ristorante Lucese la sosta non è a pagamento
                • Punto mappa: https://goo.gl/maps/8accwBum1onPoSz8A
                • Difficolta’: E (Escursionistico) – Itinerario su sentieri ben tracciati, mulattiera, sterrata e brevi tratti di asfalto, adatto a persone mediamente allenate in buona forma fisica.
                • Dislivello complessivo in salita: circa 330 m
                • Totale percorrenza: km.6
                • Tempi totali di percorrenza: ore 3 circa di cammino oltre le soste
                • Orario di ritrovo: ore 9:30
                • Termine attività ore 14.30
                • Prenotazione obbligatoria entro giovedì 2 giugno 2022
                L’escursione si svolgerà con un minimo di 5 partecipanti e un massimo di 15

                Quota di partecipazione: 20€ (30€ per la giornata intera) da pagare in anticipo compilando la scheda di adesione. Per iscrizioni multiple la quota a persona è di 18€ e 25€
                La quota comprende: organizzazione e coordinamento, tutte le conduzioni e la Terapia Forestale, servizio Guida ambientale escursionistica ed assicurazione RCT (non comprende l’assicurazione infortuni per gli accompagnati)
                Trattandosi di un intervento per il benessere psicologico in ambiente naturale, il costo potrà essere detratto come spesa sanitaria.
                Ho previsto inoltre riduzioni per coppie o situazioni di comprovato bisogno.
                In caso di disdetta entro il 30 giugno la cifra versata verrà interamente restituita, diversamente verrà offerto un buono per un’altra escursione con validità un anno.

                ABBIGLIAMENTO e ATTREZZATURA:
                Sono obbligatori gli scarponcini da trekking (meglio se alti alla caviglia), un capo anti vento e anti pioggia, abbigliamento comodo e a strati, cappello, snack/frutta, pranzo al sacco per chi non vuole mangiare al rifugio, riserva d’acqua di almeno 1 litro. Al rifugio troveremo bevande calde e fresche, i bagni e acqua per le borracce.
                Un cuscinetto o seggiolino pieghevole per sedersi durante le pause meditative e che possa essere trasportato insieme al resto in uno zainetto da giornata (20/30 lt)
                Bastoncini da trekking facoltativi.
                La guida si riserva di cancellare o variare il programma della giornata a seconda delle condizioni meteo o per garantire il benessere di tutti i partecipanti a suo insindacabile giudizio. In caso di annullamento le cifre versate per l’iscrizione verranno interamente restituite.

                CONDUZIONE DELLA GIORNATA
                Patrizia Garberi PhD, è Psicologa Psicoterapeuta, OPT 7693 insegnante di meditazione e istruttrice senior di protocolli basati sulla Mindfulness, artista arteterapeuta, esperta di Terapia Forestale e Guida Ambientale Escursionistica, AIGAE TO1137 professione svolta ai sensi della legge 4/2013
                https://www.artimagery.it/contatti/#.YkW2ledBw2w

                PRENOTAZIONE https://forms.gle/k6HQkAPWKU6pyt8r9

                Appuntamento ore 9.30 a Passo Lucese (LU)

                Contattami compilando questo modulo

                  Iscriviti alla Newsletter per essere sempre aggiornato

                  123