Counseling ed orientamento

Clicca per ingrandire l'immagine

Sostegno non direttivo

Il termine counseling indica un'attività professionale che tende ad orientare, sostenere e sviluppare le potenzialità del cliente, promuovendone atteggiamenti attivi, propositivi e stimolando le capacità di scelta. Si occupa di problemi non specifici (prendere decisioni, miglioramento delle relazioni interpersonali) e contestualmente circoscritti (famiglia, lavoro, scuola), è quindi una competenza che naturalmente deve essere presente nell'attività di diverse figure professionali quali psicologi, medici, assistenti e operatori sociali, educatori professionali.(da Wikipedia)

Costituisce l'approccio che utilizzo nella identificazione dell'area di interesse del cliente, sia quando ha bisogno d'aiuto, che quando vuole fare un'esperienza di approfondimento in un'area tematica specifica.

Come tutte le mie proposte, si basa su di una solida preparazione teorico-pratica in ambito psicologico e sull'esperienza professionale e personale, per trattare con la stessa professionalità la richiesta di aiuto di chi attraversa uno stato di malessere transitorio, che la ricerca di benessere di chi vuole dedicare del tempo a sé stessa/o.
Per mettere a fuoco il bisogno della persona, o l'istanza principale del gruppo, spesso utilizzo tecniche non verbali o il linguaggio simbolico dell'Astrologia, in modo che fin dall'approccio iniziale del counseling queste poi vadano a costituire l'impalcatura di un percorso che si potrà sviluppare in seguito.

Quindi nella mia attività di counseling,  oltre che di tutte le altre esperienze, formazioni e tirocini pratici in prima persona visibili nel mio CV, mi avvalgo della preparazione proveniente dalla mia Laurea Magistrale in Psicologia, senza che questo incida sulle mie tariffe, ma anzi aggiungendo valore all'investimento dei miei clienti. Scrivi per informazioni


Per chiarezza aggiungo che in Italia il counseling non è una professione a sé stante regolamentata a garanzia degli utenti. Infatti per diventare counselor non sono indicati, da parte dello Stato, i requisiti minimi necessari per esercitarla. Non esiste alcuna normativa di riferimento, né un percorso formativo obbligatorio, né l'obbligo di iscrizione a un qualche albo professionale. Mentre all'estero le formazioni nel Counseling vengono offerte dopo una laurea triennale (Bachelor), in Italia non esiste alcun requisito o percorso di studi preferenziale, e spesso per accedervi è sufficiente avere frequentato un triennio di una qualsiasi scuola superiore.

Il cosiddetto counselor per legge non può e non è in grado di distinguere gli stati mentali "patologici" da quelli che non lo sono, non essendo né psicologo né psicoterapeuta, né medico psichiatra né psicoanalista, non può offrire percorsi di ascolto più lunghi di 8 incontri e non gli è consentito somministrare test, raccomandare farmaci né terapie di altro tipo o svolgere altri atti tipici di questi professionisti.

Imagery
Mediazione Artistica
Astrologia
Meditazione
Leggi il CV
Condividi su Facebook Condividi su Twitter
Condividi su Messenger Condividi su LinkedIn Condividi su Google Buzz Condividi su Delicious

Clicca qui per iscriverti al feed RSS Patrizia Garberi  via Molino a Vento 3  57016 Rosignano Marittimo  Tuscany  Italy tel +39 0586 761 249  +39 338 3407092
All rights reserved © 2009 - grafica e webmaster Patrizia Garberi